Pubblicato in: Storytelling

The very hungry caterpillar

Quale modo migliore per imparare i giorni della settimana se non utilizzando lo storytelling?

Questa volta abbiamo letto “The very hungry caterpillar” e poi lo abbiamo rappresentato graficamente.

Qui la rappresentazione grafica

I bambini erano veramente interessati e catturati sia dalle immagini che dalla storia…molto semplice ma al tempo stesso accattivante.

Abbiamo visto la storia animata e dopo abbiamo cantato tutti insieme una canzone, proprio sui giorni della settimana. Ai bambini è piaciuta tantissimo!

Che dire…lo storytelling ha colpito nel segno anche stavolta!

Mi raccomando, seguiteci anche qui!

Alla prossima.

Pubblicato in: Storytelling

The colour monster goes to school

Manca davvero poco all’inizio della scuola e ho pensato che forse l’idea migliore sarebbe affrontare questo momento così “traumatico” attraverso lo storytelling.

Ovviamente è la mia passione sia in inglese che in italiano.

Ho scelto il libro “The colour monster goes to school” della bravissima Anna Llenas.

Dopo una prima lettura in classe in cerchio (finalmente si respira un po’ di normalità rispetto agli ultimi due anni…) proporrò ai bambini di colorare le immagini della storia e di riordinarle in sequenza.

Scriverò le didascalie alla lavagna (spero LIM, ancora non lo so) ed ognuno le abbinerà alla parte corretta. Nel file che troverete ci sono anche le frasi già scritte, utili soprattutto per i bambini più in difficoltà.

Dopo questo lavoro ogni bambino potrà colorare, ritagliare e ricomporre il proprio puzzle (che ovviamente prima plastificheremo con la nostra mitica “amica” plastificatrice).

Ho pensato anche di dare ad ogni bambino l’immagine del “monster” da colorare a piacere (in base alle sensazioni e alle emozioni legate al primo giorno di scuola) e incollarle poi in classe su un cartellone.

Nella parte storytelling troverete tutto il materiale.

Mi raccomando, seguiteci così vedrete anche altre attività che proporremo e ovviamente posterò qui tutto quello che effettivamente faremo il primo giorno di scuola.

Stay tuned!

Pubblicato in: Didattica

Il Gruffalò

“Ha zampe tremende,

artigli affilati,

e denti da mostro

di bava bagnati”.

Oh, il Gruffalò! Adorabile…

Era il momento d’introdurre la filastrocca e ho pensato di chiamare in causa il mostro più mostro che ci sia…E guarda un po’… è proprio il Gruffalò…

Avevamo già incontrato le rime baciate e quelle alternate, ma è stato con la lettura di questo testo, recitato a memoria da più di qualche bambino, che siamo riusciti a comprendere in pieno le filastrocche in rima…Sia quelle baciate che quelle alternate.

Ovviamente abbiamo utilizzato la tecnica dello storytelling… Abbiamo discusso dell’importanza di sentirsi a proprio agio con sé stessi e che non è detto che sia sempre il più forte a vincere ma a volte è con la furbizia che si può avere la meglio…

E voi che ne pensate?

Seguiteci anche su Didattica a colori per tante altre novità…

Alla prossima!

Pubblicato in: Storytelling

Storytelling: Pete the cat!

Come facciamo a ricordarci i nomi dei vestiti?!?

Ancora una volta Pete the cat è arrivato in nostro soccorso…Abbiamo letto “Pete the cat: too cool for school“, una simpatica storia dove per compiacere gli altri il nostro caro amico Pete rischierà di perdere la propria unicità… Ma alla fine Pete ci sorprenderà 😉!.

Dopo una divertente ed animata lettura del libro, abbiamo creato diverse sequenze che ci hanno permesso di comprendere al meglio il testo e la storia…

Abbiamo visto anche un simpatico video per imparare bene la pronuncia e la sequenza della storia…

Ovviamente non poteva mancare anche di un po’ enigmistica: un crossword puzzle e un “cut and glue”.

Qui altre immagini del lavoro svolto…Mi raccomando, seguiteci!

See you soon for other adventures!!!

Pubblicato in: Storytelling

Storytelling “Little Pea”

Per introdurre il cibo siamo partiti da una storia semplice e divertente…Little Pea! Questo simpatico “Pisellino” vive insieme a Mama Pea e Papa Pea ma, a differenza della maggior parte dei suoi coetanei, non ama per nulla le…caramelle! Eh sì, proprio così! Per poter mangiare il suo amato dessert (spinach!) deve prima finire “five pieces of candy”!

Abbiamo poi visto anche una lettura animata su YouTube, sempre relativa a Little Pea. Non c’è che dire, questo strambo personaggio è proprio entrato nel cuore dei piccoli.

Da lì siamo partiti con il cogliere le differenze tra l’Italian breakfast e l’English breakfast: i bambini hanno potuto apprezzare come la vera colazione inglese sia in realtà salata. Questo ha permesso loro di capire che non c’è un modo giusto o sbagliato di fare colazione ma che “Paese che vai, usanza che trovi!”. E poi perché magari, un giorno, non sperimentare un modo di mangiare diverso dal proprio?

Ovviamente non poteva mancare anche un po’ di logica…Ci siamo cimentati, infatti, in un dolce sudoku e abbiamo concluso con un crucipuzzle sul cibo.

See you soon!

Pubblicato in: Storytelling

Thanksgiving Day

Tra poco negli USA si celebrerà il Giorno del Ringraziamento e anche se noi siamo MOOOOLTO lontani, perché non cogliere l’occasione di ricordare questa importante festività?

Siamo partiti dalla lettura di un semplice libro “I am Thankful” dove abbiamo potuto vedere come ci siano moltissime cose per cui ringraziare…

“I am Thankful”

Da semplici foglie “croccanti”, coccinelle colorate, gli abbracci della mamma, le storie del papà…Insomma…davvero molte cose apparentemente “banali” ma veramente importanti…

I bambini hanno anche ballato sulle note di una canzone orecchiabile e divertente che troverete qui…Neanche a dirlo, si sono divertiti moltissimo!!!

Ognuno ha ringraziato a voce (e poi fatto il disegno sul quaderno) per qualcosa… Ne abbiamo viste e sentite di belle 😄.

Ovviamente non poteva mancare un Thanksgiving crossword…Nella sezione Storytelling molte altre attività!

Stay tuned!

Pubblicato in: Storytelling

Alphabet

Lo storytelling ci sta sfuggendo di mano… 😉😬 Per poter imparare al meglio l’alfabeto abbiamo utilizzato lo strepitoso libro Alphabet Icecream. Dopo averlo letto e riletto abbiamo giocato ad indovinare (e pronunciare) la lettera corretta. Abbiamo utilizzato le flashcards per allenare la memoria.

Cosa c’era di meglio anche di un po’ di “ginnastica”? Ci siamo cimentati in un vero e proprio “esercizio fisico” con questa canzone per sperimentare con tutto il corpo tutte (e dico TUTTE!) le lettere dell’alfabeto. Ovviamente non poteva mancare anche una canzone per memorizzare meglio il tutto, qui la versione con karaoke incorporato.

L’alfabeto sul quaderno

Ci siamo riposati colorando ed incollando le immagini dell’alfabeto sul quaderno. Ho utilizzato gli stessi disegni del libro, tranne qualche piccola modifica come eagle, xylophone, nest…

Ho proposto anche un esercizio per vedere se i bambini ricordassero le lettere…qui la scheda che ho preparato. Sicuramente abbiamo cantato e ricantato tutti i giorni le canzoni…questo ha aiutato molto nella memorizzazione dell’alfabeto. Vi posso assicurare che anche i più timidi hanno apprezzato la lettura del libro e le canzoni (che sono diventate un vero e proprio mantra!)

Stay tuned! See you soon…with Thanksgiving!

Pubblicato in: Storytelling

PETE THE CAT: I love my white shoes

Anche io alla fine ho ceduto allo storytelling…Nello specifico ho iniziato con la storia di Pete…Il mitico Pete the cat!

Sono partita dalla lettura del libro “Pete the cat I love my white shoes” e dall’ascolto dell’audio che troverete qui. I bambini si sono divertiti tantissimo a cantare la canzone di Pete insieme a…Pete!

Abbiamo suddiviso la storia in sequenze, come potete vedere qui sotto.

Pete the cat: I love My white shoes

In seguito ci siamo cimentati anche in un divertente crossword puzzle. Alla fine del nostro percorso abbiamo anche creato un “Pete’s book“…

Stay tuned! A breve altri attività di storytelling!