Carnevale?

Tra pochi giorni archivieremo il Carnevale, ma prima abbiamo deciso di fare qualcosa insieme divertente ed inclusivo… I bambini hanno sperimentato, dopo molto tempo a causa della pandemia, una vera condivisione. Il lavoro di tutti ha permesso un risultato strepitoso (per noi, ovviamente!).

Dopo aver preso tutte le precauzioni anti Covid, abbiamo iniziato la “nostra creazione”. C’è chi ha disegnato la “bambina”, chi ha composto le scritte ed infine, tutti insieme hanno contribuito a realizzare il loro piccolo grande capolavoro.

Qui alcune fasi della realizzazione

I bambini si sono divertiti e hanno capito che spesso il lavoro di squadra ripaga della fatica del singolo. Mancava solo un ultimo dettaglio: il titolo! Dopo un primo brainstorming, insieme i piccoli artisti hanno raggiunto un accordo…”Molte mani rendono il lavoro più leggero e divertente”.

Abbiamo confermato che “Il tutto è più della somma delle singole parti” (Zerbetto)!

Storytelling “Little Pea”

Per introdurre il cibo siamo partiti da una storia semplice e divertente…Little Pea! Questo simpatico “Pisellino” vive insieme a Mama Pea e Papa Pea ma, a differenza della maggior parte dei suoi coetanei, non ama per nulla le…caramelle! Eh sì, proprio così! Per poter mangiare il suo amato dessert (spinach!) deve prima finire “five pieces of candy”!

Abbiamo poi visto anche una lettura animata su YouTube, sempre relativa a Little Pea. Non c’è che dire, questo strambo personaggio è proprio entrato nel cuore dei piccoli.

Da lì siamo partiti con il cogliere le differenze tra l’Italian breakfast e l’English breakfast: i bambini hanno potuto apprezzare come la vera colazione inglese sia in realtà salata. Questo ha permesso loro di capire che non c’è un modo giusto o sbagliato di fare colazione ma che “Paese che vai, usanza che trovi!”. E poi perché magari, un giorno, non sperimentare un modo di mangiare diverso dal proprio?

Ovviamente non poteva mancare anche un po’ di logica…Ci siamo cimentati, infatti, in un dolce sudoku e abbiamo concluso con un crucipuzzle sul cibo.

See you soon!

Calzini spaiati

Quest’anno anche noi abbiamo “aderito” alla giornata dei calzini spaiati. Tutti (bambini e maestre) sono venuti a scuola con due calzini differenti. La nostra giornata (che in realtà è iniziata ieri) ha visto la partecipazione di diverse discipline…Matematica, inglese, italiano, educazione civica…

Ieri abbiamo iniziato vedendo il breve video “Little sock” e poi abbiamo disegnato il nostro “favorite sock” .

Calzini spaiati pixel art

Oggi abbiamo scritto e commentato la “Filastrocca delle differenze” di Bruno Tognolini che “calza” a pennello con questa giornata… Ognuno poi ha colorato i calzini come più preferiva, qui trovate il disegno.

Qualche disegno colorato dai bambini…E le maestre “spaiate” 😆

Poi abbiamo letto la storia di un calzino un po’ diverso, direi proprio brutto e anche un po’ antipatico che alla fine, però, avrà un suo riscatto personale…

Che dire…Una giornata “diversa”, non c’è che dire…

Alla prossima!