Pubblicato in: Storytelling

The very hungry caterpillar

Quale modo migliore per imparare i giorni della settimana se non utilizzando lo storytelling?

Questa volta abbiamo letto “The very hungry caterpillar” e poi lo abbiamo rappresentato graficamente.

Qui la rappresentazione grafica

I bambini erano veramente interessati e catturati sia dalle immagini che dalla storia…molto semplice ma al tempo stesso accattivante.

Abbiamo visto la storia animata e dopo abbiamo cantato tutti insieme una canzone, proprio sui giorni della settimana. Ai bambini è piaciuta tantissimo!

Che dire…lo storytelling ha colpito nel segno anche stavolta!

Mi raccomando, seguiteci anche qui!

Alla prossima.

Pubblicato in: Storytelling

The colour monster goes to school

Manca davvero poco all’inizio della scuola e ho pensato che forse l’idea migliore sarebbe affrontare questo momento così “traumatico” attraverso lo storytelling.

Ovviamente è la mia passione sia in inglese che in italiano.

Ho scelto il libro “The colour monster goes to school” della bravissima Anna Llenas.

Dopo una prima lettura in classe in cerchio (finalmente si respira un po’ di normalità rispetto agli ultimi due anni…) proporrò ai bambini di colorare le immagini della storia e di riordinarle in sequenza.

Scriverò le didascalie alla lavagna (spero LIM, ancora non lo so) ed ognuno le abbinerà alla parte corretta. Nel file che troverete ci sono anche le frasi già scritte, utili soprattutto per i bambini più in difficoltà.

Dopo questo lavoro ogni bambino potrà colorare, ritagliare e ricomporre il proprio puzzle (che ovviamente prima plastificheremo con la nostra mitica “amica” plastificatrice).

Ho pensato anche di dare ad ogni bambino l’immagine del “monster” da colorare a piacere (in base alle sensazioni e alle emozioni legate al primo giorno di scuola) e incollarle poi in classe su un cartellone.

Nella parte storytelling troverete tutto il materiale.

Mi raccomando, seguiteci così vedrete anche altre attività che proporremo e ovviamente posterò qui tutto quello che effettivamente faremo il primo giorno di scuola.

Stay tuned!

Pubblicato in: Lettura

10 motivi per leggere

Ecco 10 motivi per dedicarci a questa sorprendente attività…

  1. Abbassa i livelli di stress: leggere un libro o un giornale permette di rallentare i battiti cardiaci e la tensione muscolare.
  2. Rende più creativi. I lettori hanno un pensiero più flessibile.
  3. Chi legge, oltre ad avere una mente più elastica, è decisamente più empatico.
  4. La memoria è migliore nei lettori più assidui.
  5. Permette di essere più attenti, aumentando la concentrazione. Immergersi nella lettura permette di “dissociarsi” dall’ambiente esterno, aumentando l’attenzione.
  6. Ci si disintossica dalla tecnologia allontanandoci dai dispositivi elettronici.
  7. Leggere insieme ai propri figli favorisce il rafforzamento dei legami familiari, promuovendo, tra l’altro, lo sviluppo del linguaggio e il miglioramento delle abilità intellettive.
  8. Aumenta il bagaglio lessicale e di conseguenza permette di essere degli scrittori migliori.
  9. Facilita la socializzazione. È dimostrato che chi legge di più, è più predisposto a fare amicizia.
  10. Aiuta il sonno. Leggere prima di andare a letto, rilassa e aiuta a dormire meglio.

E tu, lo sapevi?

Pubblicato in: Didattica

Creo con i LEGO

Cosa c’entrano i Lego con l’italiano? Beh… che dire…

Ci dovevamo addentrare nel testo regolativo. Sì, certo…molto semplice ed intuitivo… Ma come fare per renderlo più immediato, simpatico ma soprattutto divertente?

Ed ecco che in nostro aiuto sono arrivati i magici Lego…

Prima di tutto abbiamo creato una mappa concettuale per capire cosa sia il testo regolativo. Qui troverete il file in pdf. Poi, dopo avere visto quali sono le caratteristiche e i tipi di testo di questo genere, ci siamo cimentati nella costruzione.

Ho dato una ventina di mattoncini Lego ad ogni bambino e ho detto loro di creare ciò che preferivano.

Tutti hanno dato libero sfogo alla propria fantasia e creatività…

Alcuni lavori dei bambini

Ogni costruttore ha poi realizzato le istruzioni per ricreare il proprio capolavoro.

Qui il risultato finale

Che dire… il divertimento l’ha fatta da padrone!

Vi è piaciuto?

Mi raccomando seguiteci anche sulla pagina Facebook Didattica a colori.

Alla prossima!

Pubblicato in: Didattica

Il Gruffalò

“Ha zampe tremende,

artigli affilati,

e denti da mostro

di bava bagnati”.

Oh, il Gruffalò! Adorabile…

Era il momento d’introdurre la filastrocca e ho pensato di chiamare in causa il mostro più mostro che ci sia…E guarda un po’… è proprio il Gruffalò…

Avevamo già incontrato le rime baciate e quelle alternate, ma è stato con la lettura di questo testo, recitato a memoria da più di qualche bambino, che siamo riusciti a comprendere in pieno le filastrocche in rima…Sia quelle baciate che quelle alternate.

Ovviamente abbiamo utilizzato la tecnica dello storytelling… Abbiamo discusso dell’importanza di sentirsi a proprio agio con sé stessi e che non è detto che sia sempre il più forte a vincere ma a volte è con la furbizia che si può avere la meglio…

E voi che ne pensate?

Seguiteci anche su Didattica a colori per tante altre novità…

Alla prossima!

Pubblicato in: Giornate importanti

World BEE Day

L’importanza delle api è risaputa perciò, anche quest’anno, abbiamo deciso di “giocare” un po’ con loro per poter capire ancora meglio perché bisogna preservarle e prendersene cura.

Abbiamo affrontato l’argomento in lingua inglese…Abbiamo realizzato un piccolo libro con la rappresentazione del ciclo vitale delle api e poi siamo stati creativi e abbiamo creato dei bellissimi segnalibri…

Alcuni segnalibri

Qui potete trovare il file per i segnalibri e qui quello per il libretto. Abbiamo anche spiegato le caratteristiche delle diverse api e quali sono le loro tipologie di “case preferite”…

A questo link, invece, troverete come montare quest’ultimo.

Spero vi siano piaciute le attività.

Seguici anche su Didattica a colori.

Stay tuned!

Pubblicato in: Festività

Com’è nata la festa della mamma?

Sapete quando è nata della festa della mamma?

Le origini risalgono ai Greci e ai Romani. Era legata al culto delle divinità femminili e della fertilità. Segnava il passaggio dal gelido inverno alla calda estate. Per come la conosciamo noi, però, è nata solo nel maggio del 1870 negli USA grazie ad una femminista e pacifista americana. Fu però Anna M. Jarvis che, dopo la morte dell’amata madre, insistette talmente tanto con le autorità affinché venisse istituita una festa in onore di tutte le mamme del mondo.

Grazie all’insistenza di questa donna, il giorno 10 maggio 1909 venne celebrata la prima festa della mamma.

Anna scelse come fiore simbolo di questa ricorrenza il giglio bianco: fiore preferito dalla madre. Solo nel 1941 il presidente Wilson la fece diventare una festa nazionale, in onore di tutte le madri dei soldati. Fu decisa la seconda domenica di maggio come giorno per le celebrazioni.

E voi, lo sapevate?

Pubblicato in: Storytelling

Storytelling: Pete the cat!

Come facciamo a ricordarci i nomi dei vestiti?!?

Ancora una volta Pete the cat è arrivato in nostro soccorso…Abbiamo letto “Pete the cat: too cool for school“, una simpatica storia dove per compiacere gli altri il nostro caro amico Pete rischierà di perdere la propria unicità… Ma alla fine Pete ci sorprenderà 😉!.

Dopo una divertente ed animata lettura del libro, abbiamo creato diverse sequenze che ci hanno permesso di comprendere al meglio il testo e la storia…

Abbiamo visto anche un simpatico video per imparare bene la pronuncia e la sequenza della storia…

Ovviamente non poteva mancare anche di un po’ enigmistica: un crossword puzzle e un “cut and glue”.

Qui altre immagini del lavoro svolto…Mi raccomando, seguiteci!

See you soon for other adventures!!!

Pubblicato in: Lapbook

Lapbook, che passione!!!

Far appassionare i bambini ad un argomento un po’ difficile ed ostico come quello della grammatica mi ha fatto pensare a creare un lapbook ad hoc per loro… Ho provato a navigare un po’ in internet ma non ce n’era nessuno che soddisfacesse le esigenze dei miei bambini.

Dopo una domenica passata a pensare e riflettere su come farlo, alla fine ho realizzato un lapbook grande e colorato…

Questo è il lapbook di un’alunna.


Come vedete c’è ampio spazio ad una personalizzazione dei bambini. Si parte dai vari tipi di nome nella parte sinistra, i verbi al centro e gli articoli, le preposizioni, le congiunzioni e gli aggettivi qualificativi a destra.

Le misure del cartellone sono 50x70cm. A prima vista può sembrare un po’ ingombrante ma per il tipo di argomento affrontato credo sia di facile comprensione e realizzazione.

Qui trovate la matrice del lapbook.

Spero vi sia piaciuto! Mi raccomando seguitemi sulla pagina Facebook Didattica a colori e taggate la pagina quando provate i nostri lavori…

Stay tuned!!!

Pubblicato in: Uncategorized

Resoconto dei primi due giorni di accoglienza…

Diario semiserio dei primi due giorni di accoglienza di un bambino ucraino nella nostra classe…

Non voglio banalizzare la situazione dalla quale questo bambino, insieme alla sua famiglia, è fuggito…Vorrei solo condividere una partenza faticosa ma allo stesso tempo stimolante di questa nuova avventura…

Un martedì mattina qualunque in una qualsiasi scuola italiana. Un’applicata di segreteria chiama me e la mia collega di matematica per comunicarci che a breve sarebbe arrivata una bambina ucraina nella nostra scuola e dovevamo decidere dove inserirla. Dopo una riflessione di pochi secondi decidiamo subito quale sarà la sua classe.

Un mercoledì pomeriggio qualunque in una qualsiasi scuola italiana (parte prima). L’applicata di segreteria ci comunica che il bambino (sì, avete letto bene bambinO) arriverà l’indomani mattina…Va benissimo, rispondo io… Dopo essermi fatta ripetere per bene tre volte il nome e il cognome, decido di scriverlo per non dimenticarlo (cosa che accade lo stesso)…

Un mercoledì pomeriggio qualunque in una qualsiasi scuola italiana (parte seconda). Informo i bambini che l’indomani mattina sarebbe arrivato il loro nuovo compagno…Dopo il primo momento di smarrimento (ma non era una bambina?), i bambini sono partiti in quarta… Prepariamo qualcosa per accoglierlo… Tempera, fogli, colla, pennelli…

Giovedì mattina qualunque in una qualsiasi scuola italiana. Finalmente arriva il nuovo alunno…Un capannello di bambini lo accoglie salutandolo in maniera affettuosa e l’unica risposta che abbiamo ricevuto è stata un “CIAO”.

Dopo il primo momento di smarrimento (il bambino non parla una parola di italiano), abbiamo iniziato a fare qualcosa che potesse aiutarlo a sentirsi “a casa”. Tutti i bambini, a turno, gli hanno chiesto qualcosa… Nessuna risposta…Cosa fare? In nostro aiuto è arrivato google translate (a proposito, google santo subito!)… Facciamo merenda fuori (distanziati come normativa Covid prevede) e subito dopo i bambini vogliono giocare… Sì, ma a cosa? Google, anche in questo caso, viene in nostro soccorso…E dopo pochissimo tutta la classe si è messa a correre e giocare insieme, come se fossero amici da sempre.

I bambini sono bambini… Ed in fin dei conti: “Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo” (Tahar Ben Jelloun).

See you soon ( o anche “Незабаром”)